Home

Sono Chiara Saraceno e sono  Psicologa dell’Età evolutiva.
Sono  Psicoterapeuta  Familiare e Relazionale .1526806_10153624375550611_1147247604_n
L’idea di creare uno spazio web personale nasce dal desiderio di mettermi alla prova.
Mi ha incuriosito la sfida di pensare a questo spazio come ad un luogo nuovo, tutto da inventare in cui poter approfondire i temi a me cari, far conoscere i miei progetti, rielaborare la mia esperienza professionale.
L’ho immaginato come un diario, che ha ispirato il nome del sito, un vero e proprio diario di viaggio, in cui annotare idee, spunti su cui riflettere, conservare ricordi, raccontare storie , condividere immagini e parole.
Ho pensato potesse essere un altro modo per continuare ad appassionarmi di Psicologia.
La Dr.ssa Chiara Saraceno è presente sul sito www.terapia-familiare.it
ed è socia  dell’Associazione Emdr-Italia e  Terapeuta abilitata  all’Emdr.

Articoli Recenti

Moglie e Marito: un film sull’empatia. Quando nella coppia c’è una connessione emotiva

“ Un incontro a due, occhi negli occhi,
 volto nel volto, e quando tu sarai vicino
 io prenderò i tuoi occhi e li metterò al posto dei miei
 e tu prenderai i miei occhi e li metterai al posto dei tuoi
allora io ti guarderò con i tuoi occhi e tu mi guarderai con i miei ”
  Jacob Levi Moreno

Moglie e Marito, un lungometraggio di Simone Godano, esordiente regista, destinato a transitare e sostare tra i miei pensieri e le emozioni postumi alla visione del film, tali da sentirmi ispirata e invitata a riflettere con voi sui significati che la pellicola evoca.

74d8f0ccdd

Un film che mette in scena, con un classico espediente narrativo quale lo scambio, lEmpatia, con la “E” maiuscola, nei toni e nelle sue sfumature più colorate, inaspettate, buffe, esilaranti ma anche faticose e dirompenti. Già l’empatia, la protagonista centrale del film che danza all’interno delle dinamiche della coppia,  per raccontare la storia di Andrea e Sofia, che impariamo a conoscere osservandoli l’uno attraverso lo sguardo dell’altra.

Sull’orlo di un divorzio, non ancora annunciato ma fortemente immaginato da entrambi, ad Andrea e Sofia, coppia sposata da una decina di anni con due bambini, capita improvvisamente di scambiarsi le menti e…patatrac!

Andrea e Sofia (interpretati da Pierfrancesco Favino e Kasia Smutinak),marito e moglie, sono dunque costretti a vivere la vita dell’altro con i suoi segreti, le sue difficoltà, i suoi desideri, le sue manie.

In questo modo il regista riesce a parlare del legame di coppia e dell’empatia, facendola sentire allo spettatore, facendoti identificare un po’ nei panni dell’uno e un po’ dell’altra.

Con un tocco divertente e delicato riesci a farci entrare nel mondo del marito, un uomo deciso e sensibile e della moglie, una donna volitiva e forte, sfiorando le differenze di genere, ma non rimanendo ancorato a quelle. Si sforza di far intravedere nuovi modi di mascolinità e femminilità, lontani da quelli stereotipati, non solo sul lavoro, ma anche nell’affrontare la genitorialità

Ciò che mi è piaciuto molto del film, è il tentativo raffinato del regista di rappresentare l’empatia come una danza, un processo creativo  attraverso il quale i protagonisti si avvicinano, si sfiorano, a volte si allontanano, altre si scontrano, e solo così riescono a conoscere veramente chi hanno di fronte. Entrambi i protagonisti compiono un percorso che li porta a comprendere l’altro e dunque a raggiungerlo. E questo movimento ha a che fare con l’essere coppia. E non si esaurisce mai.

Il film è capace di trattare il tema della dinamica di coppia, facendoci sorridere, divertire e un po’ riflettere sull’importanza di creare una connessione profonda con l’altro affinché quell’incontro a due possa durare nel tempo.

  1. La tenerezza. Un valzer emotivo attraverso l’indecifrabile, perduto e struggente desiderio di ascoltare, sentire e amare. Un sentimento da esplorare, fino in fondo, dentro e fuori di noi. Commenti disabilitati su La tenerezza. Un valzer emotivo attraverso l’indecifrabile, perduto e struggente desiderio di ascoltare, sentire e amare. Un sentimento da esplorare, fino in fondo, dentro e fuori di noi.
  2. Le crepe invisibili dell’anima. Perché è importante curare le nostre ferite traumatiche. Commenti disabilitati su Le crepe invisibili dell’anima. Perché è importante curare le nostre ferite traumatiche.
  3. Il piacere di ricominciare. Spunti e riflessioni di inizio settembre Commenti disabilitati su Il piacere di ricominciare. Spunti e riflessioni di inizio settembre